Sardegna, isola dei Centenari e di lungavita

Quante volte ci siamo chiesti se esista e quale sia l’elisir di lungavita? Quanti di noi sognano di diventare centenari e vorrebbero quindi vivere almeno fino a 90 anni o meglio a 100?

Qualche risposta prova a darcela The Blue Zones, secondo cui ad insegnarci come fare per avere speranze di arrivare a cent’anni sono i Sardi. Si certo, i Sardi della Barbagia, quel tratto d’isola dove ancora e per fortuna i palazzi non sono arrivati e le persone vivono ancora a contatto con la natura e affondano le mani nella terra. Il segreto quindi sarebbe nascosto nel cu Sardegna

Cosa vuol dire Blue Zones?

The Blue zones solutions è un libro che riporta i risultati delle ricerche sulle cinque popolazioni più longeve al mondo! Blue Zones è semplicemente un concetto usato per identificare una zona demografica del mondo in cui le persone vivono a lungo. Tra le mappe tracciate dagli studiosi Gianni Pes e Michael Poulain, la provincia di Nuoro è in testa e sale sul podio come provincia con la più alta concentrazione di centenari! Insieme alla Sardegna, Dan Buettner ha identificato un alto tasso di longevità in Okinawa (Giappone); Nicoya (Costa Rica); Icaria (Grecia); ed a Loma Linda  (California).

L’elisir di lungavita dei Sardi è il Minestrone!

In particolare, il primato, per il terzo anno consecutivo, spetta ad una famiglia di Perdasdefogu, la famiglia Melis! La famiglia Melis custodisce con cura il suo elisir ma non lo conserva gelosamente, anzi, ce lo svela in diretta in questo video:

Vedi il video

…ecco la ricetta del Minestrone di lungavita!

Si, avete capito bene, è un minestrone! Ecco nel dettaglio la ricettaLa ricetta è l'autorizzazione del medico, in forma scritta... Leggi della minestra di lunga vita: 1/2 tazza di fave secche, 1/2 tazza fagioli secchi, 1/3 tazza di ceci secchi, 7 cucchiai di olio extra vergine di oliva, 1 cipolla gialla o bianca, 2 carote, 2 zucchine, 2 gambi di sedano, 2 cucchiaini di aglio, 1 tazza di passata di pomodoro, 3 patate gialle, 1½ tazza di finocchio, 1 mazzetto di prezzemolo fresco tritato, alcune foglie di basilico fresco, 2/3 tazza di fregula sarda , 1/2 cucchiaino di sale, 1/2 cucchiaino di pepe nero ed un pezzo di lardo o guanciale di suino. La cottura è lunga, va fatta a fuoco lento e per un paio d’ore almeno.

Il re indiscusso che costituisce l’elisir è il minestrone con le verdure fresche dell’orto ma anche lo stile di vita dei Sardi complessivamente favorisce la buona salute, tanto da aver spinto il sindaco Texano di Fort Worth ad investire cinquanta milioni di dollari per portare il modello alimentare dei Sardi d’Ogliastra. Per completare la ricetta del vivere bene e a lungo non dobbiamo dimenticare che gli Ogliastrini possiedono inoltre una particolarità genetica, il marcatore M26, questi loro geni, a causa della posizione geografica, sono rimasti per lo più puri.

regioni storiche geografiche sardegna