Tosse, influenza e raffreddore! Prova col Geranio d’Africa

Pelargonium Sidoides, Umckaloabo, Geranio d’Africa. La storia di questa pianta affonda le sue radici in Africa. E precisamente nel 1897 quando un inglese di nome Charles

Stevens, affetto da tubercolosi, fa un viaggio in Sud Africa dove viene curato da un guaritore Zulu con un decotto della radice di geranio d’Africa. Una varietà di Geraneo originaria del Sud Africa. Questo arbusto ha fiori color rosso vino magenta e fiorisce tra la primavera e l’estate. Ottimo esempio di etnofarmacologia, ossia quella branca della scienza che si occupa di analizzare, verificare l’effettiva presenza ed azione terapeutica dei principi attivi nei rimedi della tradizione popolare volgarmente detti rimedi della nonna. Questo arbusto venne usato da allora senza sapere la vera causa dei suoi effetti benefici. Fino a quando, diversi studi condotti nel corso degli anni hanno rivelato che il Geranio d’Africa contiene un vero cocktail di principi attivi. Tra questi acidi fenolici e cinnamici, tannini, flavonoidi e cumarine. La raccolta della radice da cui estrarre il principi attivi dev’essere fatta quando l’arbusto ha almeno tre o quattro anni di vita.

Negli anni ’80 del ventesimo secolo un estratto di geranio d’Africa , viene commercializzato come farmaco vegetale per il trattamento di infezioni respiratorie delle vie aeree superiori, specialmente nella bronchite acuta dei bambini. Il suo nome commerciale in Germania è Umckaloabo®, in Italia è Kaloba® commercializzato dalla Loacker Remedia. L’ EPs® 7630 (Umckaloabo®) estratto alcolico della radice (1:9-11) è una miscela complessa di sostanze farmacologicamente attive ed ha dimostrato di avere azione antibatterica, antivirale e proprietà immunomodulatorie stimolando la produzione di citochine da Macrofagi, anti adesive e secreto motorie. In altre parole esso si rivela maggiormente efficace nella prima fase dell’ infezione respiratoria . Evitando, grazie alle sue proprietà antivirali ed antiadesive, la sovrainfezione batterica che è la vera complicanza dell’influenza e della sinusite o dell’otite e, nei casi più gravi, della bronchite. Evita infatti che i batteri possano colonizzare le mucose già irritate dai virus influenzali e creare il muco giallo e verde più o meno purulento.

Queste attività giustificano la sua azione terapeutica. Infatti esso è utile per bronchite acuta, nelle tonsillofaringite acuta, nei sintomi da raffreddamento come rinofaringite e sinusite negli adulti e nei bambini. A giustificare la sua azione terapeutica vi sono numerosi trials clinici correlati ad un’ampia letteratura scientifica e diversi studi dimostrano efficacia e sicurezza del Geranio d’Africa. Per quanto riguarda le sue controindicazioni del Kaloba in genere può essere assunto da chiunque. Il suo uso in gravidanza ed allattamento è consigliato solo dietro parere del medico poichè pare che non ci siano studi adeguati in merito. Nei bambini sotto i due anni l’uso dev’essere legato al consiglio pediatrico. E’ controindicato nei pazienti con disturbi di coagulazione, problemi cardiaci e renali.

La strategia terapeutica per la cura dell’influenza negli ultimi tempi sta diventando un problema. Il problema è, sempre più spesso, legato all’uso indiscriminato ed abuso di antibiotici. Questo fenomeno ha causato l’aumento di ceppi batterici resistenti rendendo di fatto i classici antibiotici meno efficaci a causa, appunto, della resistenza batterica. Tra l’altro gli antibiotici sono efficaci contro i batteri mentre l’influenza non complicata è sostenuta dai Virus, questo vuol dire che è perfettamente inutile spesso ricorrere  all’antibiotico per curare una banale influenza. Per queste motivazioni è importante ridurre al minimo il consumo di antibiotici e cercare alternative valide che sostengano il sistema immunitario e che agiscano già ai primi sintomi dell’influenza.

Kaloba® è un farmaco vegetale tradizionale (THMP) della Loacker Remedia. L’EMA (agenzia Europea per il Farmaco) grazie al THMP ha dato la possibilità di registrare prodotti a base di estratti vegetali veramente efficaci che in Europa hanno almeno 15 anni di commercializzazione in uno dei paesi dell’unione europea ed una lunga tradizione di utilizzo. In Germania si usa già dal 1975 dove si chiama Umkaloabo®, esattamente il suo nome d’origine datogli dalla tribù Zulu.

Scrivi la tua opinione, per noi è importante!

 Accetto la memorizzazione dei miei dati.

*

Accetto la memorizzazione dei miei dati.

Tags :