La mela Cotogna per stomaco e Gola

Il Cotogno o mela cotogna è coltivato da tempi lontani nell’area mediterranea ma arriva dall’Asia centrale e occidentale. Una curiosa leggenda narra che i Romani portarono a Roma proprio dei cotogni dopo aver espugnato la città di Cidonia ai Cretesi. I fiori del cotogno sono meravigliosi, grandi con colori che vanno dal bianco al rosa pallido, grazie a questa loro bellezza alcuni piantano un melo cotogno a scopo puramente ornamentale.

SANYO DIGITAL CAMERA

Cosa contiene la mela cotogna, proprietà e principi nutritivi:

In antichità il melo cotogno era un frutto ampiamente apprezzato e molto usato sia in ambito alimentare che medicamentoso. Infatti il melo cotogno contiene un mix di sostanze tra cui mucillagini, amido, tannini, glucosio ed enzimi che ne fanno un ottimo rimedio da usare in caso di acidità e bruciore di stomaco, dolori reumatici, infiammazioni delle vie urinarie e intestinali e in caso di diarrea. Il frutto del melo cotogno è ricco di vitamine antiossidanti tra cui vitamine A, C ed E e potassio. Lo sciroppo di mela cotogna è molto utile per la tosse e mal di gola.

Decotto per la salute:

Ha un sapore particolare, è molto ricca di tannini, “lega la bocca” se non è ben matura. Anche se è matura, lascia comunque un sapore un pò acidulo che diventa dolce dopo la cottura. Per questo motivo si preferisce cucinarla con zucchero e acqua o solo con acqua. Si filtra e se ne beve una tazza. La sua polpa è ricca di pectina, un addensante che la rende ottima per preparare confetture e gelatine.

Perché il gusto della mela cotogna cambia dopo la cottura? Gli zuccheri contenuti all’interno sono nascosti nel senso che le catene glucidiche sono lunghe, la cottura le spezza e il sapore viene così liberato.

Il frutto è profumatissimo e un tempo era usato per profumare la biancheria, era inoltre il frutto dell’abbondanza e dell’amore per questo l’uomo lo offriva alla sua donna appena sposati.

In cucina:

  • Marmellata di Mele Cotogne

Molto famosa è la marmellata di mele cotogne o cotognata che si può preparare terminando di cuocere la polpa delle mele cotogne usate per l’infuso calmante per lo stomaco oppure seguendo la ricettaLa ricetta è l'autorizzazione del medico, in forma scritta... Leggi.

La ricetta per la marmellata di mele cotogne è molto semplice:

Si taglia la mela cotogna a cubetti, si pesa e si fa cuocere in una pentola antiaderente. A metà cottura si aggiunge lo zucchero a piacere, dai 250 ai 500 g per ogni chilo di mele. Si fa cuocere fino a che il composto si addensa bene, dieci minuti prima di ultimare la cottura si aggiunge la scorza di limone. Si riempiono i barattoli di vetro sterilizzati in precedenza e si lascia raffreddare il tutto sotto una coperta.

  • Mele Cotogne Sciroppate

Ottime come dessert, a colazione, dopo il pasto o dopo il caffè, si tagliano le mele cotogne a cubetti, si mettono dentro i vasetti di vetro col succo di limone per evitare che si anneriscano. Sa parte si prepara lo sciroppo con 600 g di acqua e 400 di zucchero, meglio se di canna e integrale. Si aggiunge lo sciroppo con un poco di cannella se vi piace. Si chiudono i barattoli e si fa bollire il barattolo col suo contenuto per circa un quarto d’ora.

marmellata-mela-cotogna-jelly